Botta e Risposta Sul Concetto di Differenza

italiatelegraph

 

 

 

 

 

Ahmed Berraou*

 

La differenza è una grande benedizione che nasconde una saggezza ancora più grande dietro di essa, immagina per un momento un mondo di persone simili; Unico pensiero, cultura, lingua, persone unite dagli stessi valori, tradizioni e confessioni, e che rappresentavano il mondo allo stesso modo, non sarebbe un mondo impantanato nella noia fino alle orecchie?

Alla luce della rivoluzione digitale e tecnologica a cui il mondo sta assistendo oggi, poiché film, programmi e documentari hanno contribuito a trasmettere la realtà di altre società che differiscono da noi nella pelle, nella lingua, nella cultura, nei valori o nelle convinzioni o altro..l’uomo ha saputo aprirsi all’altro che differisce da lui e nonostante la distanza dovuta della dimensione geografica, Forse alcune persone hanno iniziato a capire che la differenza è fissa e che la variabile è il modo per affrontare questa differenza. Ecco, la domanda è come possiamo reagire? miglioriamo questa gestione rispettando il diverso e discutendo con lui tutto ciò che può derivare da un cambiamento di punti di vista, oppure lo respingiamo e lo rifiutiamo?

In un famoso testo del 1997 (Difference Trouble), il sociologo americano Steven Seidman proponeva un inquadramento concettuale e un programma di ricerca finalizzati a “prendere la differenza sul serio” (taking difference seriously). Le parole-chiave attorno alle quali programmi come quello di Seidman si muovono sono “difference, knowledge and power“, cioè, gli insegnamenti e le ricerche cognitive sulla sociologia delle differenze intrecciano temi della differenza culturale, della pluralità dei sistemi di interpretazione e dei meccanismi di potere. Il pluralismo è un importante affluente del giusto e corretto progresso.

Il significato di questo discorso in una società, che abbiamo differito per molto tempo, e ne abbiamo fatto una porta al dialogo nelle idee, questo non può che essere efficace nella sua interezza, perché la differenza e il dialogo che ne può derivare non cambia la quantità di un atomo nella connessione dei diversi Piuttosto, si aprono a loro, rappresentando energie cooperative capaci di affrontarli.

L’accettare dell’altro, indipendentemente dalle dimensioni del nostro disaccordo con lui, è una necessità imprescindibile, e un dovere per chi vuole anticipare il futuro con sicurezza.

La tendenza alla emarginazione, la paura dell’altro che è diverso da noi, e l’intolleranza di un’idea sono tra i segni di arretratezza che non porta altro che più andare in fondo … e diventa tanto brutta quanto ridicola, quando l’idea di l’altro che rifiuti è più vicino alla verità di quanto pensi, anzi è da assurdità rifiutare qualcuno che non è d’accordo con lui, quindi accontentarsi di interagire con chi ha le stesse idee e le stesse convinzioni non porterà nulla di nuovo e non produce nulla, ma è l’idea che gira solo attorno a sé stessa.

L’accettazione dell’altro indipendentemente da come le dimensioni delle nostre differenze è una necessità e un dovere a coloro che volevano il futuro in modo sano e sicuro, non esiste nessun problema affatto tra tolleranza della differenza e l’apertura del pensiero da un lato, e la conservazione della propria identità d’altra parte; L’idea altrui può essere una fonte di ispirazione e fonte di raffinatezza e scultura per i nostri pensieri. Per poi, amalgamare l’idea originale e l’altra nuova idea che abbiamo appreso, producendo fusione e nuove mescolate idee.

Coloro che hanno messo le dita nelle orecchie qualsivolta si trovano di fronte a nuove prospettive di idee diverse dei loro pensieri, si mettono solo in chiuso e isolato angolo dove c’è solo loro mondo, e sono privati di acquisire titoli migliori di idee e opinioni che sono le cause della prosperità e il benessere delle nazioni e delle società.

*Ricercatore in scienza dell’educazione, cultura e società.
Università della Calabria

italiatelegraph


Potrebbe piacerti anche
Commenti
Le opinioni espresse nei commenti sono degli autori e non del italiatelegraph.
Commenti
Loading...