Il gruppo di cori “Anwar”

italiatelegraph

 

 

A cura di Dott. Paolo Rausa*

Per solidarietà con i cittadini colpiti dal coronavirus e a sostegno dei medici e del personale sanitario il 21 maggio il gruppo musicale cori Anwar ha organizzato un concerto collettivo, ma ciascuno ha partecipato individualmente dalla propria abitazione per rispettare la distanza sociale, la sera del Laylat al-Qadr, quella del destino che è il 27° giorno di ramadan, la prima esperienza da lontano.

Il gruppo musicale si è formato a Rabat nel 2014 e fa parte dell’Associazione Rabat Al-Fateh per lo sviluppo sostenibile. Comprende un gruppo di strumentisti e cantanti mistici professionisti. Partecipano a livello amatoriale coriste di diverse professioni (medici, ingegneri, professori universitari, giudici, avvocati e casalinghe) che condividono l’amore per la musica e il canto.

Le accomuna la ricerca dello spiritualismo e lo scopo culturale didattico-educativo di avvicinare quest’arte sublime a tutti gli strati sociali, senza distinzione di censo, per preservare la tradizione ereditata dal passato e per comunicare messaggi di pace e di amore nel mondo e tra i paesi islamici utilizzando la musica come un filo di Arianna subliminale. L’ensemble di strumenti e voci ha partecipato a diversi festival andalusi e in quelli che si adoperano per conservare e diffondere il patrimonio spirituale, dentro e fuori il Marocco.

Il gruppo di cori “Anwar” si esibisce sotto la supervisione del professor Ibrahim Al-Ashhab. Notevole e applaudita la partecipazione della Corale Anwar di Ribat Al Fath al Festival internazionale di Samaa du Caire.
Milano, 25/05/2020

Dott.Paolo Rausa

*via Ungaretti, 2

20098 San Giuliano Milanese

Mail: [email protected]

Tel. 334 3774168

www.italia.express.it

www.orainscena.ir

italiatelegraph


Potrebbe piacerti anche
Commenti
Le opinioni espresse nei commenti sono degli autori e non del italiatelegraph.
Commenti
Loading...